Per il ciclo «Weekend della fotografia», il Museo della Fotografia di Brescia ha organizzato per domani e domenica una serie di eventi, improntati all´attenzione e alla conoscenza del presente. Il primo intento è mostrare come il mezzo fotografico sia ancora uno strumento specifico di documentazione, rilevanza estetica, valenza cognitiva ed artistica. Ad aprire la kermesse è la mostra collettiva «Il vento dell´Est», al salone Vanvitelliano della Loggia (inaugurazione alle 10), una galleria di immagini, che porta in viaggio verso paesi lontani. I generi fotografici più diffusi, che gli undici fotografi dell´Est europeo ci regalano, sono il paesaggio, il ritratto, la ricerca interiore, il reportage e il documento sociale. All´esposizione – che rimarrà aperta fino al 15 – partecipano Ekaterina Dashaeva, Elena Goriacheva, Alexander Kamakaev, Anna Kowa, Iulia Krylova, Aleh Latuchka, Ksenia Shepelyaeva, Lolita Uhurian, Tumilovich, Iryna Yaroshevich, Katsiaryna Osipova e Halina Yermoalayeva.

A DUE PASSI dal centro, in contrada del Carmine 2/d, alla sala conferenze dell´omonimo Museo, verranno presentate, alle 17, altre tre mostre di diversa natura. La prima sul degrado industriale, come accade nell´area dell´ex Pietra in via Orzinuovi, alle porte di Brescia, che ancora, dopo anni di attesa, non ha rinvenuto una soluzione risolutiva, documentato dalle immagini di Silvestro Paletti. Una seconda mostra collettiva, poi, concretizza un collage di sensazioni e visioni di paesaggi, nei quali il tempo appare sospeso tra un presente certo e un passato dimenticato. Giulio Ghio distende qui il proprio sguardo, quasi alla ricerca della pace, tra i sinuosi declivi delle colline bresciane, vicino a Marmentino; Giuseppe Morleo predispone fotograficamente i silenzi, le polveri e i toni cromatici soffusi della pittura di Giorgio Morandi. La fotografia di Angelo Rubes, invece, nasce dalla narrazione di un incontro in un viaggio in Spagna tra il fotografo ed un artista di strada, mentre Rosanna Viapana, infine, indaga la percezione visiva, in particolare quegli stimoli che veicolano la comparsa di determinate immagini. A concludere, la terza esposizione, denominata «Mostra nel cassetto», con le immagini di Giuseppe Albe´.

Tutte le mostre rimarranno aperte fino al 28 ottobre. Sempre domani, in occasione della Notte bianca della Cultura, il Museo aprirà le proprie porte, con visite guidate gratuite dalle 20 alle 24. Domenica si terrà, invece, l´appuntamento della prima Maratona fotografica «Brescia, sei temi sei ore», che concluderà il week end della fotografia, con partenza dal Broletto alle 11. La Maratona Fotografica di Brescia coinvolgerà per la prima volta bresciani e turisti appassionati, allo scopo di raccogliere immagini in conformità dei temi assegnati. Ogni partecipante, stimolato nella ricerca di fotografie curiose e insolite, dovrà interpretare i temi assegnati dalla giuria nell´arco di sei ore, con una sola immagine per tema. I vincitori saranno premiati e le fotografie esposte in locali aperti al pubblico. La maratona terminerà, alle 18, al Museo Nazionale della Fotografia, in Contrada del Carmine 2/d. Info: w.w.w.maratonafotograficabrescia.it

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tempo esaurito. Ricarica il codice!