LIGNANO – L’autrice e giornalista Alice Albinia per il Reportage, il sociologo Zygmunt Bauman per l’Avventura del pensiero, il fotografo Guido Guidi per il Fotolibro e lo scrittore Abraham Yehoshua per la Letteratura sono i vincitori della 30. edizione del Premio Ernest Hemingway, in programma a Lignano Sabbiadoro, da domani sino a sabato 28 giugno. Gli incontri con i protagonisti e la cerimonia conclusiva di premiazione saranno le tappe portanti del Premio, assegnato dalla Giuria composta dagli scrittori Alberto Garlini (presidente) e Gian Mario Villalta, con il poeta Pierluigi Cappello e il fotografo Italo Zannier, affiancati dal sindaco di Lignano e dal presidente della Regione. Sarà il maestro della fotografia Guido Guidi ad aprire il cartellone degli incontri, domani, alle 18.30, nello spazio Ufficio spiaggia 2, in dialogo con Alberto Garlini. Il Premio Hemingway gli è stato assegnato per il libro Guido Guidi. Cinque paesaggi 1983-1993, a cura di Antonello Frongia e Laura Moro (Roma, Postcart – Istituto centrale per il catalogo e la documentazione 2013). L’opera, nelle motivazioni della Giuria, «è per una visione del paesaggio non ecologistica né memoriale, eppure dissacratoria rispetto alla paesaggistica tradizionale.

Senza alcuna ricerca di spettacolarità, coglie il qui-e-ora del paesaggio naturale e antropizzato». Lo scrittore Abraham Yehoshua incontrerà il pubblico del Premio Hemingway venerdì 27 giugno alle 18.30 al Kursaal, in dialogo con Gianmario Villalta, e Zygmunt Bauman sarà protagonista di un incontro sempre venerdì, alle 21, al Kursaal, mentre sabato 28 giugno è in programma un incontro alle 11 con l’autrice inglese Alice Albinia. Prenotare un posto agli incontri con i vincitori del Premio Hemingway è possibile, precontattando la Fondazione pordenonelegge al numero 0434381612. La Premiazione (ingresso solo su invito) si terrà sabato 28 giugno al Kursaal. Sarà presente il nipote dello scrittore, John Hemingway.

Questa edizione festeggia i 60 anni dell’Hemingway “friulano” e del Premio Nobel vinto nell’ottobre ’54 per il romanzo “Il vecchio e il mare”, e la nascita 30 anni fa (il 23 giugno 1984, alla presenza del figlio Jack e delle nipoti Mariel e Margoux) del Parco Hemingway. Il Parco, che si è qualificato nel tempo come “parco letterario”, spazio espositivo open air e luogo spettacolare per eccellenza delle estati lignanesi, diventerà dunque la sede di una celebrazione, a partire dalle 11 con l’intervento di John Hemingway, nipote dello scrittore. Sono inoltre previste l’esibizione della Banda del Circolo Garzoni di Lignano Sabbiadoro e la rievocazione storica della Croce rossa austriaca con figuranti in costume e divise dell’epoca, con ambulanze e mezzi storici e con l’allestimento di un ospedale da campo della prima Guerra mondiale. Una mostra fotografica open air sarà dedicata sia all’esperienza di Ernest Hemingway nel corso della Guerra Mondiale che alla nascita e all’inaugurazione del Parco Hemingway il 23 giugno 1984, e ci sarà anche una mostra di cartoline storiche della Croce rossa italiana. Immancabile, a fine mattinata, la distribuzione del “rancio”: gulasch a cura del gruppo austriaco e pastasciutta del Gruppo alpini di Lignano, sulle musiche della Udine Jazz Society. Il Premio Hemingway è promosso dal Comune, col sostegno della Regione, attraverso la nuova collaborazione con la Fondazione Pordenonelegge.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tempo esaurito. Ricarica il codice!