Ad Arturo Ghergo, fotografo di dive e divi, di stile e seducente bellezza, Montefano, sua città natale, dedica un premio di fotografia. Il 14 gennaio ne viene presentata a Roma (nella sala Gianfranco Imperatori dell’Associazione Civita di Piazza Venezia 11 alle 0re 12) la prima edizione, promossa nell’ambito del progetto Regionale del Distretto Culturale Evoluto delle Marche, di cui l’Università di Camerino è capofila. Il Premio “Arturo Ghergo” vuole aprirsi al mondo della fashion photography che riesce ad interpretare e ad esprimere un punto di vista sul mondo. La linea tematica per questa prima edizione sarà “la strada”, a sua volta intesa come il set fotografico in cui muovere i fili di una rappresentazione tra realtà e finzione. William Klein l’autore di maggiore riferimento. Nella prima metà del XX secolo, il fotografo marchigiano lasciava Montefano e giungeva a Roma dove conobbe la seduzione del cinema.

In pochi anni il suo sguardo si distinse per l’ideale di bellezza e di eleganza che riusciva a comunicare sulla messa in scena o dietro le quinte di un film, dove i volti e le pose assumevano la raffinatezza del glamour. Le fotografie di Arturo Ghergo hanno contribuito a modellare e a diffondere quel gusto e quello stile che ben presto avrebbero distinto la moda italiana nel mondo, a partire dai primi anni Venti. Il Premio di fotografia “Arturo Ghergo” si rivolge, da un lato, ai nuovi talenti dell’arte fotografica (“fotografia emergente”) e, dall’altro, a noti e affermati artisti fotografi (“riconoscimento alla carriera”). Il premio è curato dal critico Denis Curti ed è strutturato attraverso la formula “ad invito”. La commissione giudicante sarà formata oltre che da Curti anche da Alessia Glaviano, photo editor di Vogue Italia, Cristina Ghergo, fotografa (presidente di giuria)e Renata Ferri, photo editor di Amica e Io Donna. I vincitori saranno invitati ad esporre a Montefano dal 18 aprile al 27 settembre.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tempo esaurito. Ricarica il codice!