UDINE – Due friulani a caccia di aurore boreali, dette “fuochi delle volpi” dai finlandesi, come si vedono solo ogni 11 anni durante il picco solare. Ci provano Fabio De Stefano e il fotografo Gabriele Menis, che anticiperà alcuni scatti e racconti in diretta attraverso i social Facebook, Twitter e Instagram, visibili al link: www.fotomenis.it/arctic-lights-2014. Sabato sono arrivati nell’estremo nord della Lapponia finlandese, dove vivono le popolazioni Sámi e dove regna la natura allo stato puro, tra neve, ghiaccio, renne e le spettacolari luci. Un paese estremo e inospitale, soprattutto d’inverno, quando le temperature raggiungono anche i 30 gradi sotto lo zero, ma che non spaventa i due appassionati di paesaggi nordici, che hanno già effettuato un viaggio in fuoristrada nell’Islanda più inaccessibile, documentato da foto e video.

L’aurora boreale e il suo picco di luminosità stanno scatenando un vero e proprio tam tam in rete: ecco perchè la scelta di anticipare on line alcune testimonianze in diretta del viaggio, che si concluderà il 2 marzo. Le aurore boreali (o Northern Lights) sono un effetto dovuto all’attività solare. In Friuli questo fenomeno si era eccezionalmente manifestato il 30 ottobre 2003, regalando un inedito scenario rossastro a chi guardava il cielo verso nord. Secondo gli scienziati, il picco solare, chiamato Solar Maximum e con una ciclicità di 11 anni, si ha proprio nell’inverno in corso.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tempo esaurito. Ricarica il codice!