A Roma 250 scatti del fotoreporter
Mario Dondero, classe 1928, tra i più importanti fotoreporter italiani, si racconta attraverso circa 250 fotografie in una mostra allestita nelle Grandi Aule delle Terme di Diodeziano a Roma (fino al 22 marzo 2015). Le sue opere sono suddivise in quattro sezioni, in cui si riconoscono i momenti storici che hanno segnato il secolo scorso, così come i luoghi e i personaggi alla ribalta sulle pagine di quotidiani e periodici. Il percorso comincia con una serie di immagini che spiegano “La nascita di una vocazione”, dettata innanzitutto dall’ammirazione per i lavori di Robert Capa. Si prosegue con i primi anni a Milano e quelli di Parigi, dove Dondero si trasferì nel ’54. Nella sezione “La passione per la politica e la storia” vi sono gli anni in cui si definisce la personalità e l’opera di Dondero, come è oggi riconosciuto. L’ultima sezione della rassegna, “La grande svolta della politica internazionale”, conferma la passione «per il racconto sincero delle situazioni», con i reportage sulla caduta del muro di Berlino, la Russia di Putin e l’Afghanistan senza pace. Nella foto: L’uomo che voleva raggiungere la luna, del 1993.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tempo esaurito. Ricarica il codice!