SPILIMBERGO – «Parlerò del Craf a tutto il mondo». Annette, la figlia dell’illustre fotografo Robert Doisneau ha inaugurato ieri mattina in Corte Europa la mostra dedicata al padre, pienamente soddisfatta dal lavoro compiuto dal centro, al quale ha rivolto un particolare plauso. Il Craf le ha conferito il premio International Award of photography, consegnato dal presidente del consiglio regionale Franco Iacop e dal padrone di casa, il sindaco Renzo Francesconi. «Sono davvero orgogliosa di ricevere questo prestigioso riconoscimento – ha commentato – dalla morte di mio padre ho iniziato a lavorare al complesso progetto di valorizzazione e conservazione delle sue opere, circa 500 mila fotografie». Annette si è soffermata a lungo su ognuna delle immagini esposte, munita di macchina fotografica digitale per riprodurre tutta o quasi la serie del fondo Luigi Crocenzi a lei sconosciuta dal titolo “Devant la Joconde”, che ritrae numerosi spettatori al Louvre al cospetto del celebre dipinto di Leonardo.

Le foto di Robert Doisneau sono istanti magici senza tempo, legati dal fil ruoge dell’interesse “umano” dell’artista nel raccontare sentimenti, attraverso ritratti spesso rubati. Parigi è luogo d’elezione, dove gli amanti consumano teneri baci, dove si improvvisano danze sulla strada e le vetrine dei negozi non sono più semplici vetrine. «Doisneau ha senz’altro il dono dell’immortalità – ha commentato Francesconi – le sue opere sopravvivono senza invecchiare, emozionandoci». La mostra come del resto tutta la rassegna Spilimbergo Fotografia ha fatto breccia in Regione. «Siamo consapevoli che il Craf rappresenta un eccellenza – ha concluso Iacop – personalmente ogni giorno di più scopro le bellezze di questa città gioiello».

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tempo esaurito. Ricarica il codice!