Francesca on settembre 18th, 2014

Mia figlia Yassine è per metà senegalese. Un giorno scattai un autoritratto con lei e sua sorella Diana, e Yassine mi disse: «Mamma, adesso voglio farmene uno io, da sola». Yassine, che aveva 3 anni, scelse un cuscino leopardato – quasi ad esprimere le sue radici africane – e si tolse i vestiti. Scattò una […]

Continue reading about La forza dell’arte ci svela. Con un autoritratto

Francesca on agosto 27th, 2014

Ci sono matrimoni che partono da sincere promesse d’amore e connubi inquinati da squallide premesse: ci sono coppie ben assortite che carambolano dopo pochi anni e accoppiamenti simili a mostruose ibridazioni degli opposti che sviluppano invece superbi frutti. La città di Ravenna prova con il concorso Visual Mosaic a contaminare mosaico e arte visiva: il […]

Continue reading about Fotogrammi

Francesca on agosto 13th, 2014

«Quando dissi a mio padre che volevo fare il fotografo rimase impietrito. Lui mi sognava ingegnere e medico. Dopo un lungo, angosciato silenzio, mi disse: fotografo? Ma che mestiere è? E ripeteva: ma che mestiere è? Poi aggiunse, misteriosamente: uno che ammazza i vivi e resuscita i morti». Sono le parole che Ferdinando Scianna colloca […]

Continue reading about I clic di Scianna tra qui e l’eternità

Francesca on luglio 18th, 2014

L’UNGHERESE Robert Capa si potrebbe definire, senza timore, uno dei massimi testimoni del nostro tempo e particolarmente capace, con i suoi reportage, di rendere testimonianza di cinque diversi conflitti bellici. Dalla guerra civile spagnola a quella sino-giapponese, dalla seconda guerra mondiale al conflitto arabo-israeliano, per finire con la prima guerra d’Indocina, scatenata dalla Francia, dove […]

Continue reading about Capa, reportage di una vita La guerra in bianco e nero

Francesca on luglio 15th, 2014

«Carlo Pedrini, d’anni 38, deceduto in Somalia, la moglie pose». Così recita una scarna lapide, con un mazzo impolverato di fiori di plastica, al cimitero Monumentale di Torino. Una tomba qualsiasi per un personaggio che invece ha avuto una vita avventurosa, ha documentato l’avventura coloniale italiana in Africa e ha fornito decine e decine di […]

Continue reading about Il fotografo che portò l’Africa agli Italiani

Francesca on luglio 14th, 2014

«L’idea di Storylab – racconta Stefano Ferrari, amministratore di Moma Comunicazione – nasce due anni fa, proprio nel seno del lavoro di Moma, sempre alle prese con l’elaborazione e l’utilizzo delle immagini, e con la consapevolezza del loro valore in termini di comunicazione». La collaborazione con «L’Eco di Bergamo», poi, e la scoperta dei suoi […]

Continue reading about «Raccogliere storie non solo immagini»

Francesca on luglio 2nd, 2014

Per la sua 30ª edizione il Premio Ernest Hemingway di Lignano inaugura una nuova sezione, quella del fotolibro, vinta dal cesenate Guido Guidi con Cinque paesaggi. Un’opera edita dall’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, il gabinetto fotografico nazionale, e capace di offrire una visione «non ecologista né memoriale, eppure dissacratoria rispetto alla paesaggistica […]

Continue reading about «Guidi, oltre il bello scatto»

Francesca on giugno 27th, 2014

LIGNANO – L’autrice e giornalista Alice Albinia per il Reportage, il sociologo Zygmunt Bauman per l’Avventura del pensiero, il fotografo Guido Guidi per il Fotolibro e lo scrittore Abraham Yehoshua per la Letteratura sono i vincitori della 30. edizione del Premio Ernest Hemingway, in programma a Lignano Sabbiadoro, da domani sino a sabato 28 giugno. […]

Continue reading about Pensiero, scrittura e foto premiati all’Hemingway

Francesca on giugno 26th, 2014

Però la usò. Vagabondò con lei nelle strade, cercando. Ne fece il suo karma: «Una buona fotografia nasce solo in uno stato di grazia». Cominciò a pubblicare, sul Cruzeiro . Storie, luoghi, reportage. Qualche divinità della lente lo aveva caro. Mandò le sue fotografie al MoMa: il grande Edward Steichen gliene comprò quattro, «fu come […]

Continue reading about Il Neruda dei fotografi che ispirò “Blow-up”/2

Francesca on giugno 25th, 2014

C’ERA una volta un piccolo profeta cileno dal sorriso timido che cercò di salvare il mondo da se stesso. Era armato solo di «un rettangolo nella mano»: la cornice di un’immagine. Si chiamava Sergio Larrain ed era un «cacciatore di miracoli», come tutti i fotografi non presuntuosi. Ed è come fotografo che lo troverete citato […]

Continue reading about Il Neruda dei fotografi che ispirò “Blow-up”/1